Le attività del circolo di Roma

Mobilità sostenibile Roma

Se una città vuole diventare sostenibile, deve avere un sistema di trasporti sostenibili, flessibili ed integrati, e porsi come obiettivo la riduzione dei veicoli motorizzati, dei km/vettura, della velocità. È necessaria una rivoluzione nella scala delle priorità di scelta del mezzo di trasporto. Dal giugno 2020 MDF Roma è inserita in una rete di associazioni del territorio per spingere gli amministratori capitolini ad un deciso cambio di passo sul fronte mobilità, per rendere la nostra città maggiormente fruibile e godibile da parte di tutti. Partecipiamo inoltre a iniziative pratiche di mobilità sostenibile con realtà già operanti sul territorio.

IL PROGETTO                                       GLI ARTICOLI

Università del Saper Fare

L’Università del Saper Fare è un progetto attivato a Roma dalla primavera del 2010 con l’intento di avvicinare le persone alle idee e pratiche della decrescita attraverso laboratori pratici. Il Saper Fare si basa essenzialmente su capacità manuali e tecniche e sul recupero di alcuni saperi tradizionali andati perduti negli ultimi decenni, da quando la società occidentale ha abbracciato il modello di sviluppo consumistico, ad altissimo impatto sull’am­biente, basato sul frenetico consumo di prodotti usa e getta. L’obiettivo di questo progetto è divenire uno strumento utile per tutti quelli che sono felicemente impegnati a cambiare stile di vita, un luogo di incontro e di con­fronto sui temi della decrescita e uno spazio aperto alle idee e ai progetti utili a rafforzare l’alternativa che in tanti stiamo costruendo.

IL PROGETTO                                        GLI ARTICOLI

Rete romana dell’Economia Sociale Solidale

Il circolo di Roma di MDF partecipa al progetto della Rete romana dell’Economia Sociale Solidale (Ress). La rete comprende associazioni, cooperative sociali o di lavoro, spazi sociali e culturali, gruppi di acquisto solidale, esperienze di finanza etica e mutue autogestione, produttori agricoli agroecologici, artigiani, botteghe del commercio equo, organizzazioni non governative e di volontariato, esperienze di cittadinanza attiva e molto altro. La rete si ispira ai valori imprescindibili del mutualismo e della cooperazione, dell’inclusione sociale, solidarietà, partecipazione, reciprocità, equità di genere, condivisione, trasparenza e uguaglianza, principi fondanti per una cultura della condivisione, per la creazione di spazi di lavoro e di relazione che rispettino tutte le differenze e che permettano di vivere nella felicità del singolo e della comunità, oggi e nel futuro.

IL PROGETTO                                        GLI ARTICOLI